Barbieri e barbierie: ecco le più antiche d’Italia

15 Giu di Becky Bryant

Barbieri e barbierie: ecco le più antiche d’Italia

 L’arte del barbiere è millenaria, con una storia affascinante legata anche alla medicina. In epoca storica più moderna, barbiere e barbierie sono sempre stati luoghi di ritrovo per uomini, che nel barbiere vedono un amico e un confessore.

 Dalla metà del 1800, la figura del barbiere si è slegata dai servizi di medicina, dal salasso all’estrazione dei denti, che faceva, per tornare ad occuparsi di barba e capelli. Al giorno d’oggi invece il mondo è fatto di social, di internet e blog di tendenza, come ad esempio Il Gentiluomo.

 Con il cambiamento della moda maschile, e l’introduzione del rasoio elettrico, le abitudini sono cambiate. Il taglio della barba classico in barbieria è rimasto un rito di stile maschile che non tutti si concedono.

Ma se volete ritrovare quel sapore elegante di un tempo, ecco le più antiche barbierie di Italia.

 Antica Barbieria Colla

Apre ai clienti nel 1904 in via Manzoni, a Milano, Nel capoluogo lombardo, l’Antica Barbieria Colla è considerato il salone più antico e noto per chiedere una rasatura fatta come si usava una volta. Lo stile del locale richiama con prepotenza la storia: fotografie in bianco e nero, sedie in stile vintage e arredamento dal sapore antico ci riportano alla Milano del secolo scorso.

L’indirizzo cui si trova oggi è via Gerolamo Morone 3.

Barbiere Paolo

Nella metà del secolo scorso, per l’esattezza nel 1968, a Torino ha aperto il Barbiere Paolo. Da allora, nel salone si offre rasatura sono con il metodo classico all’italiana; il servizio più pulito e preciso che si possa trovare. Asciugamano caldo sul viso per ammorbidire la pelle, pennello in cinghiale per spalmare la crema da barba e rasoio a mano libero.

L’indirizzo del salone è via San Secondo 16.

Barbiere Marchi

Sempre intorno agli anni ‘60, anche a Bologna aprì un barbiere destinato a rimanere nella storia. Mario Occhio nel 1966 fu il fondatore dell’omonima Barberia Marchi. Da allora ha servito non solo i bolognesi, ma anche personaggi famosi, come il compianto Vittorio Gassman. Mario ha poi lasciato il timone del suo negozio all’assistente che lo accompagnato, lasciando dietro di sé un locale considerato mitico, un vero riferimento per gli amanti della rasatura di un tempo.
La trovate in piazza Cavour 5

Antica Barberia Peppino

Da generazioni, nella zona di Roma vicina a piazza di Spagna la Antica Barbieria Peppino assiste alla vita quotidiana della Città Eterna. Nel 1957 il signor Peppino ha aperto il suo salo,e che ancora oggi sfoggia all’esterno due tipici pali a spirale bianchi, rossi e blu, per indicare immediatamente lo stile del locale.

Da allora il proprietario, maestro dell’arte del barbiere, ha visto sedersi sulla propria poltrona attori, politici ed intellettuali che vivevano, o passavano, per la Capitale. Anche dopo che c’è stato il passaggio di testimone, la bottega è rimasto uno spazio “for gentlemen only”.

La barbieria è in via della Vite 62.

 Barberia Boellis

Ha ormai 97 anni la bottega Barberia Boellis di Napoli. Nel 1924 Antonio Boellis lasciò l’originaria Puglia per cercare fortuna nel capoluogo campano. A quanto sembra, la trovò.

Oltre a occuparsi di rasatura classica e di bellezza di barba e capelli, la famiglia Boellis ha lanciato un profumo maschile, dal nome Panama 1924. Un omaggio al cappello preferito del fondatore Antonio.

Barberia Giacalone

Anche il FAI, fondo ambiente italiano, ha riconosciuto l’importanza della barberia Giacalone. Dopotutto il salone ha aperto i battenti a Genova addirittura nel 1882; 110 anni dopo, nel 1992, è diventata un bene da proteggere. Da allora il titolare è il barbiere di origini siciliane Tony Ferrante.

Il salone è in via Vico Caprettari 14.